VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della regione Piemonte
Meteo.it
Borsa Italiana
martedì 1 dicembre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
VercelliOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
08/10/2020 - Vercelli - Enti Locali

LA BATTAGLIA DI LENTA PER L'INDIPENDENZA / 2 - Esclusivo: i conti veri dei soldi che non arriveranno più - Consiglio Comunale a Lenta, Baglione perde le staffe e diventa violento - Il Prefetto: se un Comune è contro, la Regione consulta di nuovo

LA BATTAGLIA DI LENTA PER L'INDIPENDENZA / 2 - Esclusivo: i conti veri dei soldi che non arriveranno più - Consiglio Comunale a Lenta, Baglione perde le staffe e diventa violento - Il Prefetto: se un Comune è contro, la Regione consulta di nuovo
Il video con - integrale - il Consiglio Comunale di Lenta del 30 aprile 2020 -

Evidentemente avevano fretta, molta fretta.

Ma andiamo con ordine.

***

E’ il 30 aprile quando, in piena emergenza Coronavirus, viene convocato il Consiglio Comunale di Lenta per decidere di dare il via al processo di incorporazione del Comune di Lenta in quello di Gattinara.

Fusione? Patto tra pari?

No: incorporazione.

Il grande mangia il piccolo.

Chi lo dice?

Lo spiega, papale papale, lo Studio Legale Monti di Casale Monferrato, uno dei giganti del Diritto Amministrativo in Piemonte e non solo.

Oggi retto dall’Avv. Giuseppe Greppi, allievo numero uno dell’illustre fondatore, l’Avv. Piero Monti.

Ebbene, ecco cosa dice

(cliccando qui)


il prestigioso Studio Legale a proposito di questo progetto.

***

Insomma, ci rimette solo Lenta e – forse – ci guadagna solo Gattinara.

A Lenta, ovviamente, non arriveranno più i trasferimenti dello Stato che sono stati (lo spiega bene l’ex Vice Sindaco).

Vale la pena di leggere riga per riga chi ci perde certamente e quanto: Lenta.

Chi ci guadagna: nessuno.

Perché lo Stato non assume un impegno irreversibile al finanziamento del “bonus”.

Ma lo subordina alle future disponibilità.

***

Ecco quanto sarà salato il conto per i cittadini di Lenta:

·  Nel 2020 abbiamo ricevuto dallo Stato trasferimenti ORDINARI per circa 150.000,00 euro. Contributi ricevuti anche in tutti gli anni passati e che riceveremo per tutta la durata dell’esistenza del Comune di Lenta. Quindi fondendoci rinunceremo immediatamente a queste somme che in 10 anni garantirebbero a noi 1.500.000,00 euro (un milione e mezzo di euro), in 20 anni 3.000.000,00 e così via PER SEMPRE.

QUESTE SOMME NON ARRIVERANNO PIU’.

·   Dal 2011 al 2019 abbiamo ricevuto fondi pubblici straordinari da spendere SOLO per il nostro Comune pari a 981.630,00 euro (quasi un altro milione di euro).

QUESTE SOMME NON ARRIVERANNO PIU’.

·   Lo stato e la Regione fanno stanziamenti specifici per piccoli Comuni con meno di 1.000 abitanti per valorizzare il territorio (proprio quello a cui vogliono farci credere di pensare con la fusione,  sic !). Ecco di seguito i diversi Decreti e Leggi pensati per salvaguardare i piccoli comuni. Decreto 11-07-2020; Decreto 02-07-2020; Decreto 14-01-2020; Decreto-Legge 30-04-2019 n. 34...e così di seguito andando sempre più indietro...

QUESTE SOMME NON ARRIVERANNO PIU’.

·      Per contro la Città di Gattinara al 31-12-2018 aveva un debito in bilancio di 7.670.144,51 euro (settemilioni di euro circa). Questo debito è salito al 31-12-2019 a 9.410.132,24 euro (novemilioni e mezzo circa). Oltre al fatto che nell’accordo di fusione approvato dal Consiglio comunale di Lenta il debito indicato è quello del 2018 (chissà come mai), forse per rendere meno amara la “pillola della fusione”, bisognerebbe anche rendersi conto che forse il sindaco attuale di Gattinara un eccelso amministratore della “cosa pubblica” proprio non lo è, forse è solo un buon costruttore con i soldi degli altri, ma chi non lo sarebbe?

·      La città di Gattinara è piena di debiti (quasi 9 milioni e mezzo al 31-12-2019) tant’è che non riesce nemmeno a pagare il proprio Consorzio strade vicinali, gli eventuali contributi, se arriveranno, serviranno a tentare il salvataggio finanziario di Gattinara e a Lenta non resteranno che le briciole ; il 15% del 60% del famoso contributo promesso ma non sicuro di 1.000.000,00 di euro all’anno, quindi con un semplice calcolo resteranno per Lenta 90.000,00 (novantamila) euro annui non sicuri, contro gli attuali 259.000,00 (duecentocinquantanovemila) euro annui sicuri”.

***

UN CONSIGLIO COMUNALE 

DA RIVIVERE CON ATTENZIONE

 

Nel video che alleghiamo si vede la versione integrale del Consiglio Comunale del 30 aprile, proprio quella seduta che è al centro del parere negativo (la firma è di tutti i tre Avvocati) dello Studio Monti.

Il Sindaco pensa bene di invitare il collega di Gattinara, Daniele Baglione.

E’ avvocato, ha una buona parlantina.

Come Avvocato – dicono a Lenta -  non si sa se abbia pochi o tanti redditi.

Anche perché non pubblica la propria dichiarazione dei redditi sul sito del Comune di Gattinara.

Senza avere bisogno di stare a sentire cosa dicano a Lenta, sappiamo che non la pubblica nemmeno sul sito del Comune di Vercelli

– leggi qui -


Anche se il Comune Capoluogo lo nomina, come proprio rappresentante (?) nel Consiglio di Amministrazione di Atena Asm, incarico che gli frutta 20 mila euro l’anno.

Ma non pubblica la dichiarazione dei redditi.

Così che il cittadino non sa – di un proprio Amministratore molto importante – quanta parte del proprio reddito derivi da lavoro professionale e quanta, invece, dalla politica.

Sono in molti a Lenta, in questi giorni, a reputare utile un’operazione trasparenza.

Così come, a Lenta, qualcuno si sta chiedendo se le pagine di pubblicità a pagamento viste sui giornali siano pagate da Baglione e Rizzi, oppure messe a carico dei Comuni.

Perché all “fronte dell’indipendenza di Lenta” sembra assai paradossale pagare con i soldi di tutti i cittadini – favorevoli o contrari alla incorporazione di Lenta in Gattinara – la propaganda che ne rappresenta solo una parte.

Sarebbe bene sentir dire qualcosa del genere: no, cari Signori, qualla pubblicità è stata pagata con i soldi di Baglione e Rizzi.

***

Ma torniamo al Consiglio Comunale del 30 aprile.

Il video è imbarazzante.

Vale la pena ascoltarlo, anche se la qualità audio è scadente.

Baglione è nervoso, sbraita, sbatte il fascicolo sul tavolo. 

Nel video - siamo a 1 ora e 30 minuti: da lì in poi - si vede bene che sbraita.

Insinua che gli avversari dicano bugie.

Poi, forse frastornato dalla sua stessa facondia, perde le staffe ed incappa in un divertente infortunio oratorio.

Ammonisce: le bugie hanno le gambe corte!

E forse anche chi le racconta.

***

Cosa accadrà, ora?

Vediamo alcuni passaggi.

Innanzi tutto, il Prefetto di Vercelli ha un po’ rassicurato il Comitato Non Confondiamoci.

Ecco la lettera che ha inviato a Non Confondiamoci:

– leggi qui –

E’ vero che, per i lentesi, è tutta in salita, ma si legge chiaramente che la Regione, se uno dei due Comuni si esprimesse, con il referendum, per il “no”, cioè contrario all’incorporazione di Lenta in Gattinara, prima di decidere potrebbe, in astratto, convocare un secondo referendum.

Se così fosse, molto probabilmente il problema si risolverebbe da solo.

Perché un secondo referendum difficilmente si potrebbe tenere in tempo utile per – se questa volta, invece, passasse – unire i Comuni prima delle prossime elezioni di Gattinara (Primavera 2021).

Se - è l'ipotesi più probabile - trovasse altre forme di consultazione degli Enti e dei cittadini, il tempo passerebbe comunque.

Poi bisognerebbe vedere come la Regione potrebbe sentirsi di decidere umiliando una grandissima maggioranza di cittadini di uno dei due Comuni.

Tutto il gioco di Baglione salterebbe.

La fusione “salvaposto” andrebbe a farsi benedire.

Perché sono in molti a pensare (ed a Lenta lo mettono anche nero su bianco) che il motivo vero di tanta agitazione da parte del Sindaco ormai guru di Facebook sia proprio quello di salvarsi il posto.

Sanno tutti che Daniele Baglione non può, per legge, candidarsi una terza volta a Sindaco del Comune di Gattinara.

Dura lex, sed lex: due mandati, poi basta.

A meno che, appunto, non ci sia un Comune nuovo, che prima non c’era e che, perciò, non ha ancora un Sindaco.

Proprio qui sta il punto: se l’incorporazione di Lenta avvenisse, Daniele Baglione potrebbe candidarsi una “prima” volta alla carica di Sindaco del nuovo Comune.

A Lenta sono in moltissimi a pensarla così.

Perché ben altra cosa sarebbe se il progetto di fusione, ad elezioni avvenute, quindi con altri sul ponte di comando, fosse preso in mano ed esaminato con calma, nel corso dei prossimi cinque anni, con la partecipazione di tutti.

Non con la smania di arrivare in tempo per le urne di maggio 2021.

***

MA POI: PERCHE’ I GATTINARESI DOVREBBERO 

FARE UNA COSA DEL GENERE A QUELLI DI LENTA?

 

Ed a Gattinara?

Perché, fino ad ora, i cittadini di Lenta che abbiamo ascoltato si pongono anche un’altra domanda.

Ma perché gli amici di Gattinara vogliono farci una cosa del genere?

Cosa abbiamo fatto di male?

Credono davvero al miraggio dei soldi evocato da Baglione?

Ma se anche arrivassero davvero dei soldi, varrebbe la pena, per quei soldi sopprimere Lenta, sapendo che noi lentesi non vogliamo?

Non vogliamo anche perché i soldi non arriverebbero più (come abbiamo visto nelle righe precedenti) a Lenta.

Siamo alla guerra per bande?

Ci conquistano?

***

Nei prossimi giorni, ne parleremo con i diretti interessati.

Diamo voce a chi non ha voce.

La propaganda è tutta sospinta dalle invettive di Daniele Baglione, che spopola su Facebook.

Ormai va oltre il dialogo, trascende nella filosofia.

Insomma, pare quasi favorito, animato, dalla grazia di stato.

Ma forse è solo la grazia del posto, che offre voluttà inebrianti, quali sa donare la seduta vellutata di una bella cadrega.

Con tanto di gettone.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
TAGS:

Vercelli

Varallo Sesia

Borgosesia

Gattinara

Valsesia

Trino

Crescentino

Santhià

Provincia di Vercelli

Guido Gabotto

PieomonteOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@piemonteoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it